Storia

L’Isola d’ Ischia ( in antichità nota col nome di Pithekoussai o Pithecusae ) è un’isola dell’Italia appartenente all’arcipelago delle isole Flegree insieme a Procida e Capri.

E’ la più grande delle Flegree, con i suoi 62.733 abitanti ed è la terza isola più popolosa in italia dopo Sicilia e Sardegna.

Dalla forma simile ad un trapezio, l’isola dista all’incirca 18 miglia marine da Napoli, è larga 10 km da est a ovest e 7 da nord a sud, ha una linea costiera di 34 km e una superficie di circa 46,3 km². Il rilievo più elevato è rappresentato dal monte Epomeo, alto 788 metri e situato nel centro dell’isola.

Quest’ultimo è un vulcano sottomarino sprofondato negli ultimi 100.000 anni. Infatti, l’intera isola, altri non è che il picco del Monte Epomeo, ultimo punto del vulcano ancora in superficie.

L’ Isola d’ Ischia è composta da 6 comuni: Ischia , Casamicciola Terme , Lacco Ameno , Forio d’ Ischia , Serrara Fontana , Barano d’ Ischia.

Ischia

Il nome Ischia deriverebbe da Insula Maior modificato poi in Iscla da cui oggi Ischia.

Il comune con i suoi  18.734 abitanti è il più popalato dell’isola ed è suddiviso in due nuclei: il principale, denominato “Ischia” ma comunemente chiamato “Ischia Porto” e la zona di “Ischia Ponte”, che prende il nome dal ponte di legno (oggi in muratura) che, fino al settecento, collegava il castello aragonese con il borgo.

Casamicciola Terme

Molte sono gli accostamenti al nome tra cui: Casa Nìsola, dal nome di una vecchia matrona eritrese, Nisola, che, inferma, fu qui abbandonata trovando guarigione nelle acque termali del Comune. Altri da Casamice cioè luogo di funghi, altri ancora da Casa in insula. Nel 1956 a ragione dell’abbondanza delle sue acque termali assunse l’appellativo Terme.

Il comune di Casamicciola Terme  è situato nel versante settentrionale dell’Isola d’Ischia. Dal punto di vista storico è il comune dell’isola con la più antica vocazione turistica, in quanto presenta molte fonti di acque termali, che i casamicciolesi hanno sfruttano da tempi immemorabili.

Lacco Ameno

Il nome Lacco secondo molti studiosi deriva dal greco lakkos che significa pietra. Il 18 novembre 1862 il Sindaco Carmine Mennella, chiedeva al re Vittorio Emanuele II l’aggiunta dell’aggettivo “Ameno” ,dal latino amoenus: piacevole alla vista , al nome Lacco, concessione accordata il 4 gennaio 1863.

Lacco Ameno è un anfiteatro naturale che si apre sul mare, presenta le acque termali con il più alto coefficiente di radioattività nelle fonti cosiddette di Santa Restituta, patrona della cittadina e dell’intera Isola.

Forio
Il nome Forìo deriva da Fiorio in quanto fiorì dopo la distruzione di altri Casali, altri ritengono invece da phoros (ferace – fertile), altri ancora dal greco chorìon (villaggio). La leggenda, riferita dal D’Ascia, vuole che un castellano del Castello Aragonese, stanco di vivere sul castello con quattromila persone, disse “Fuori io!” e se ne andò dall’altra parte dell’isola a fondare questo comune.
Serrara Fontana

Il comune di Serrara Fontana nasce dalla fusione dei centri abitati di Serrara (capoluogo) e di Fontana, lungo le pendici del monte Epomeo a circa 360 mt sul livello del mare

Questo comune vanta diversi primati: è, infatti, in termini di popolazione , è il meno popoloso dei sei comuni dell’ isola d’Ischia; è, però il più alto, sorge infatti a 366 metri s.l.m. inoltre è l’unico comune dell’isola che si prolunga dal mare con il borgo di Sant’Angelo fino alla vetta più alta dell’isola Monte Epomeo dove si trova una splendida foresta chiamata Falanga.

Barano d'Ischia

Il comune è caratterizzato da molte colline da cui si ammira un panorama stupendo. Sono presenti numerose cave, formatesi nel tempo da diverse frane, ma che grazie ad esse si può ammirare il panorama di S. Angelo.

L’ etimologia, secondo alcuni deriverebbe dall’espressione latina “contra moerorem”, secondo altri significherebbe invece “luogo delizioso”, altri ne identificano l’origine nella parola “balneum”, altri ancora nell’espressione “podere di Vario”. Alcune varianti utilizzate anticamente erano Borano e Varrano.

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookies. Alcuni dei cookie utilizzati sono essenziali per il funzionamento del sito e sono già stati settati. Si possono eliminare o bloccare i cookie ma parti di questo sito potrebbero non funzionare.
Leggi di più

Un cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookie, tracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione d’informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server a un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.
I cookie sono stati progettati per essere un meccanismo affidabile per i siti web, in modo da ricordare le informazioni utili (ad esempio elementi in un carrello della spesa) o per registrare attività di navigazione dell’utente (compreso il cliccare particolari pulsanti, login o registrazione di quali pagine sono state visitate dall’utente).
Come fa questo sito web a utilizzare i cookie?
Una visita a una pagina su questo sito web può generare i seguenti tipi di cookies:
Cookies Analytics:
Ogni volta che un utente visita il sito, il software fornito da un’altra organizzazione genera un ‘Anonymous analytics cookies’.
Questi cookie possono dirci se è la prima volta che visitate il sito o non siete mai stai su queste pagine web. Il tuo browser ci dirà se sei disponibile a ricevere questi cookies e, se non lo fai, ne generiamo di nuovi.
Questo ci permette di calcolare quanti utenti visitano il nostro sito e con quale frequenza. Se non si è connessi a questo sito web, non possiamo usare i cookies per identificare gli individui. Li usiamo per raccogliere statistiche: ad esempio, il numero di visite a una pagina.
Se effettui l’accesso tramite login, verremo a conoscenza solo dei dati forniti in precedenza per generare l’account, come il nome utente e l’ indirizzo email. (Per esempio, Google Analytics)
Cookies di registrazione
Quando ti registri su questo sito web, generiamo i cookies che ci permettono di sapere se sei connesso o meno.
I nostri server utilizzano i cookies per capire se sia permesso, a chi ha eseguito l’accesso, l’uso di un particolare servizio web da noi offerto.
Cookies pubblicitari
Questi cookies ci permettono di sapere se hai visto una pubblicità o un tipo di pubblicità e per quanto tempo. Utilizziamo i cookie anche per aiutarci a comprendere meglio la pubblicità mirata.

Cookies di terze parti
Su alcune pagine del nostro sito, altre organizzazioni, possono impostare i propri cookies anonimi.
Lo fanno per monitorare il successo della loro applicazione, o per personalizzare le applicazioni. A causa del funzionamento dei cookies, il nostro sito web non può accedere a questi, né accedere all'organizzazione dei dati che generano questi cookies impiegati sul nostro sito.
Ad esempio, quando si condivide un articolo utilizzando un pulsante sharing su un social media (ad esempio Facebook) su questo sito web, il social network che ha creato il pulsante registrerà l’utente che ha fatto questo.
Come faccio a non accettare i cookie?
Di solito è possibile non fare più accettare al browser i cookies o accettare i cookies solo da un particolare sito web.
Tutti i browser moderni consentono di modificare le impostazioni dei cookies. Di solito è possibile trovare queste impostazioni nelle “opzioni” o nel menu “preferenze” del tuo browser.
Per comprendere queste impostazioni, i seguenti links possono essere utili. Oppure è possibile utilizzare l’opzione “Help” nel browser per maggiori informazioni.
Impostazioni dei cookie in Internet Explorer Impostazioni dei cookie in Firefox Impostazioni dei cookie in Chrome Impostazioni dei cookie in Safari e iOS
Se si blocca l’uso dei cookies, allora sarà limitato il servizio che siamo in grado di fornirvi influenzando la vostra esperienza sul nostro sito web.

Close